Critica

 Indubbiamente ci sono due linee guida legate alla rappresentazione del corpo e della sua deriva :una è dei corpi molli,obesi,strabordanti alla Lucien Freud ,mentre l''altra porta alla magra scarnificazione, della fisicità di Giacometti.Fra le due linee c'è in mezzo la "normalita" di una  focalizzazione più meno  oggettiva,dove lo "strabismo" rappresentativo è pressocchè inesistente .Ora per Catia Cannata l'idea di un corpo sembra legata indissolubilmente con la seconda istanza, il perchè è semplicemente nella contigua essenza di figure filiformi e lisce,sorta di alieni dalla testa rasata e per lo più flessuosi ;questà umanità che all'apparenza può sembrare ludica,giocosa e positiva-l'impostazione della messa in scena,le tonalità accese zuccherose e fragranti ,l'apparente simpatia che proviamo immediatamente per queste bizzarre figure c'è lo farebbe  intuire- in realtà possiede all'interno del suo dna e ad una ricognizione più approfondita, una sorta di   dramma vitalistico.Molti dei lavori poi hanno una deriva autobiografica : vengono rappresentati familiari,amici,tutti ripresi in una sorta di "carosello" esistenziale. Un altro aspetto quantomeno  interessante è la messa in scena:ciò che viene rappresentato nei dipinti dell'artista ha sempre alcune costanti formali.La scacchiera è ciò che, anche  per metafora, serve  all'umanità bizzarra della Cannata per muoversi.Fare le proprie mosse e pagarne lo scotto ;le azioni sono "spostamenti" ("scelte" filosofiche ed esistenziali vere e proprie)  e questo lungo l'asse cartesiano del bianco e nero. I cieli sono per lo più azzurri ,oleografici,irreali .Gli interni definiti,geometrici.Cromaticamente c'è una costante per i colori caldi,accesi ,da qui  forse l'inganno per  "l'apparente" aureola di positiva giocosità dell'insieme,mentre la sottotraccia è, a volte, estremamente conflittuale ,se non addirittura dolorosamente caustica.L'ultimo aspetto che vorrei sottolineare è l'aspetto etico:è indubbio che questa " bizzarra umanità" rappresentata  dalla Cannata,sbaglia e,molte volte,fà "le mosse sbagliate",perde e cade o soffre di innumerevoli pene nell'inferno dantesco per i suo errori-storia di battaglie perse (Waterloo) e di lacchè impomatati (i  portaborse )...Non sembra facile districarsi nella matassa di azioni che compie questa filiforme umanità dolente ,forsè perchè è essenzialmente specchio  deformato della nostra stessa  umanità a cui apparteniamo e un pò,c'è ne vergogniamo Gianfranco Ferlazzo

Un'arte attualissima quella dell'artista Catia Cannata: che attraverso un attento e personalissimo sguardo sul quotidiano, riesce a regalare al fruitore in uno stile decisamente minimale opere alquanto incisive, che solo ad un primo momento sembrano quasi essere frivole e ludiche, ma se si vuole approfondire, si constata una asssai originale e riconoscibilissima arte pittorica che ne decreta inevitabiilmente cosi'un riuscito percorso artistico. Per quell'esilita' che si riscontra costante in quelle spilariformi gambe e colli delle figure e dei personaggi rapprsentati sembra poter cosi'ritrovare persino un richiamo al grande scultore svizzero Alberto Giacometti. Il percorso intrapeso da Catia Cannata ha origini lontane si veda il dipinto dal titolo "L'Infame",2004 in esso anche se molto ibridamente vi sono le basi della sua arte odierna. Opere che risultano ancor maggiormente ricercate da un equilibrio estetico le si puo' scorgere ad esempio in lavori quali: "Donna in spiaggia", "La promenade" cosi' pure "Al ristorante". L'augurio piu' sincero che questa artista possa trovare i dovuti riconoscimenti alla sua singolare ed unica arte.

Dott.ssa Valeria s.Lombardi

CATIA CANNATA

ALLA RICERCA DEL LINGUAGGIO”

A BUSTO ARSIZIO AL CAFFE’ DIVINA DALL’1 FEBBRAIO AL 6 MARZO 2012

All’incontro al Caffè Divina del 9 febbraio ci sono stato anch’io: perché è bello conoscere quel che pensa e ci racconta Catia Cannata.

Esplosa da non molti anni al linguaggio pittorico, l’artista Catia sta irrompendo nel mondo dell’arte con un vigore ed una decisione veramente rari.

Sicuramente convinta della sua “ricerca” traspaiono già dagli “assaggi” su tela, esposti al Caffè Divina, e la forza e la spontaneità e la naturalezza.

Tante considerazioni si potrebbero fare analizzando l’eros delle opere: e non poco, scrutando le figure nude ed essenziali.

In definitiva la sua mi pare una ricerca di un linguaggio nuovo, immediato, fatto di simbologia cromatica, di esasperazioni descrittive, di delicate note musicali, e quasi profumate: un modo per essere insieme quasi immersi negli spazi, nelle figure e nei gesti.

Ed ho sognato come d’essere al “teatrino speciale degli ominidi” di Catia Cannata; ma gli scenari astratti, verticali, fondali e schermi non si sviluppano a creare l’obsoleta visione prospettica; bensì su piani orizzontali (contrapposti ad alcuni segnali prospettici) in un linguaggio “piatto” di colori, come a ricercare un nuovo spazio su più dimensioni, tattili e cromatiche.

In questo spazio “nuovo” si muovono le “fu marionette”, oggi gli “ominidi” di Catia: ominidi maschi e femmine, sono essenziali e sono nudi: nella spasmodica ricerca dell’essenzialità umana.

I corpicini, fili di pelle e ossa, e le grandi teste che nascono da una profonda conoscenza del soggetto rappresentato, ti osservano in atteggiamenti ieratici, seduti, sdraiati: ma ti guardano e si guardano con occhi attenti, arguti: e si lasciano penetrare: e qui nasce il silenzioso linguaggio, la “scoperta” di Catia.

Una scoperta che darà sicuramente risultati inaspettati. Sto con il fiato in sospeso, in attesa delle prossime “storie-favola”.

Busto Arsizio, 07.02.2012

Dott. Arch. Paolo Torresan

Attraverso l’analisi delle sue figure, delle leggi fisiche e fisiologiche, quindi delle percezioni artistiche, Catia Cannata, intuisce che chi opera nel campo dell’arte come ricercatrice ha il compito di aiutare l’umanità e scegliere una vita migliore grazie alla pittura, quindi imparare ad ascoltare le vibrazioni dei colori. La sua pittura nasce sulla base di una evoluzione di pensiero, cioè: una ricerca utopica di un unico lavoro d’arte, creata da un intercambio di linguaggi surreali. I suoi obiettivi sono la stimolazione dei 5 sensi umani e la creazione di un’opera d’arte totale, senza soffermarsi unicamente al fondamentale rapporto tra colore e suono, ma estendendo i livelli di percezione ad altre forme espressive. Catia Cannata prende come fonte di ispirazione la vita quotidiana, alternando con pari semplicità i drammi e le gioie di ciò che ci circonda.z Le sue figure surreali inducono a soffermarsi non soltanto sulla mera visione cromatica ma richiedono necessarie pause di riflessioni. Quello che non si vede apertamente è racchiuso nel loro interno.

Enzo Cremone

 26-01-2012  ARTEVARESE 

Incontro con Catia Cannata Quotidianità, dinamismo, linguaggi diversi e surreali: ecco le caratteristiche dell'arte di Catia Cannata, giovane autrice che, dopo un 2011 ricco di soddisfazioni artistiche, inaugura il nuovo anno con una personale negli Spazi del Divina Caffè a Busto Arsizio. Busto Arsizio: Dal 1 febbraio al 16 marzo gli spazi del Divina Caffè ospitano la mostra personale di Catia Cannata. Per un'arte che colpisca i nostri sensi. La strada dell'arte - Catia Cannata, nata a Pescara nel 1973, inizia il proprio personale percorso nell'arte ancora bambina, ricorrendo al disegno come modo di espressione. Dopo alcuni anni di silenzio, eccola ritornare nel 2011, eccola riprendere un percorso personale, con un'opera dal titolo "Il Passaggio", iniziata il I gennaio 2011. Da allora non si è più fermata, vivendo un anno ricchissimo di eventi, come la mostra collettiva GRAFFI a Milano, la mostra collettiva 30x30 LIBERE VARIAZIONI CONTEMPORANEE a Torino e l'Esposizione collettiva "ABANO LE TERME DELL'ARTE" ad Abano Terme. Colore e riflessione. Il percorso di Catia l'ha portata a intuire che chi fa ricerca nel campo dell'arte può aiutare gli altri proprio grazie alla pittura, ascoltando le vibrazioni dei colori. E il linguaggio non è mai unitario, ma fatto di più linguaggi, spesso surreali. E queste figure surreali di Catia inducono ad andare oltre il colore e invitano a riflettere. Arte dei sensi. Scopo delle opere dell'artista è stimolare i cinque sensi umani e creare così un'opera d'arte totale, senza puntare esclusivamente a colori e suoni, ma anche ad altre forme espressive. Tutto questo a partire dalla quotidianità, fatta parimenti di drammi e gioie, per un'arte dove ciò che non si vede è racchiuso all'interno. Un incontro con l'artista è previsto per il 9 febbraio 2012, alle ore 18.00. Mostra personale di Catia Cannata a cura di Studio Torresan, Laboratorio Zanzibar Dal 1 febbraio al 6 marzo 2012 Busto Arsizio, Divina Caffè, Piazza Garibaldi 2/A Orari: dal lunedì al giovedì, dalle 7.30 alle 21.00 Venerdì, dalle 7.30 alle 24.00 - sabato, dalle 8.30 alle 1.00 Manuela Mentasti